Mediazione Interculturale nei Servizi Sanitari

Giovedì, 28 Giugno 2018 Scritto da

La Mediazione Interculturale è uno strumento fondamentale che facilita la comunicazione e la relazione fra la società ospitante, le sue istituzioni e servizi e gli immigrati. L’obiettivo principale è quello di favorire l’inclusione e di prevenire e gestire eventuali malintesi e situazioni di conflitto. L’impiego della Mediazione Interculturale è fondamentale nella relazione con i migranti forzati ospitati nelle strutture di accoglienza, in considerazione della particolare “vulnerabilità” della loro condizione. Infatti, il Ministero dell’Interno ha stabilito che il servizio di Mediazione Interculturale venga garantito sia all’interno dei progetti SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), sia nei centri di prima accoglienza.

Nella Regione Marche la percentuale di utenti stranieri presso i servizi sanitari è consistente e riguarda spesso situazioni complesse legate a ricoveri per acuti, a problematiche materno infantili, alla salute della donna e dei minori, alla salute mentale, alle dipendenze patologiche e alla prevenzione. Secondo le fonti dell’Osservatorio Regionale sulla salute negli ultimi anni è aumentato l’afflusso di “migrati forzati” e di minori stranieri non accompagnati, con frequenti problemi di ordine psico-traumatologico, condizioni tutte che per essere adeguatamente affrontate, necessitano di una mediazione “linguistica” e “culturale”.

In questo contesto, a livello locale, la Regione Marche ha emanato alcuni atti che chiariscono finalità della mediazione interculturale, funzionamento e caratteristiche del “dispositivo” di mediazione interculturale. E’ diventato fondamentale l’impiego nei servizi sanitari di mediatori qualificati in grado di operare con i più recenti atti di indirizzo nazionali e di orientare i servizi sanitari del territorio regionale ad un corretto ed omogeneo impiego della mediazione interculturale, nonché all’adozione di modalità uniformi e trasparenti per l’acquisizione dei servizi di mediazione.

Fonte: Regione Marche

Letto 848 volte Ultima modifica il Martedì, 31 Luglio 2018 10:33