Le metamorfosi dei razzismi. Discriminazioni istituzionali, linguaggi pubblici e senso comune

L'Università di Macerata organizza la giornata studio dedicata alla “Metamorfosi dei razzismi”. Convegno, organizzato in collaborazione con la Società Italiana di Antropologia Culturale/SIAC, intende offrire uno spazio di riflessione scientifica basata su alcune delle più recenti e dinamiche linee di ricerca sviluppatesi su queste tematiche, allo scopo di approfondire i principali spunti emersi durante la Giornata di studio del 25 settembre 2018, presso il Dipartimento di Scienze Politiche, della Comunicazione e delle Relazioni Internazionali/SPOCRI dell’Università di Macerata.

Oggi in Europa una parte crescente della politica costruisce il proprio consenso sociale ed elettorale facendo leva e amplificando narrazioni, messaggi e slogan contro l’immigrazione, rappresentata come una minaccia per la sicurezza della società, per i valori della civiltà occidentale e per la stessa sopravvivenza demografica delle popolazioni interessate. Le retoriche di attivazione sociale del “panico da migrazione” attingono ampiamente alle figure discorsive classiche del razzismo coloniale e postcoloniale, riattualizzate in contesti di accresciute disuguaglianze e di contraddizioni sociali, per lo più connesse agli effetti strutturali e simbolici delle trasformazioni economiche che alimentano il quadro generale di crisi – reale e percepita – che la semplificazione razzista ha buon gioco a ricondurre alle “invasioni di migranti”.

Allo stesso tempo, il Convegno si propone come momento di confronto a livello locale e nazionale sulle nuove sfide lanciate alla convivenza e alla coesione sociale dai complessi processi di trasformazione dei rapporti economico-produttivi e delle forme della politica attualmente in corso su scala globale.

In allegato la locandina.

Fonte: UNIMC

Ultima modifica il Mercoledì, 29 Maggio 2019 12:03