La pace tra Etiopia ed Eritrea

Dopo oltre vent’anni di guerra è arrivata la pace. La guerra tra Addis Abeba e Asmara era cominciata nel 1998 a causa di alcune dispute di confine per il controllo della città di Badme, ora sotto il controllo eritreo. Un accordo di pace, firmato ad Algeri il 12 dicembre del 2000, mai entrato in vigore.

Il primo ministro etiope ha dichiarato di rinunciare alle rivendicazioni territoriali che furono causa di guerra permettendo l’avvicinamento dei due governi. Così, il 9 luglio scorso il primo ministro etiope Abiy Ahmed e il presidente eritreo Isaias Afwerki hanno firmato ad Asmara una dichiarazione che ha messo fine al conflitto tra i due Paesi.

Si tratta di situazioni storiche che ora appartengono al passato. Secondo quanto dichiarato dall’analista etiope di diritti umani Mesfin Negash al New York Times: “Non è una relazione diplomatica ordinaria. È un giorno emozionante. Il processo di pace ora appartiene alle persone. Entrambi i leader non possono più sottrarsi alla pressione popolare”.

Negli ultimi mesi varie manifestazioni di pace hanno dato prova concreta della volontà di cominciare un nuovo percorso di collaborazione e gli accordi diplomatici stanno ridisegnando la mappa geopolitica del Corno d’Africa e dell’Africa orientale.

Fonte: ANSA